Iorio Immobiliare News

Comprare casa nel 2021? Ecco perché conviene

Comprare casa nel 2021? Ecco perché conviene

Admin 14/01/2021

Investimenti immobiliari nel 2021? Certo che sì! Lo dicono i dati: quello appena iniziato è l'anno buono per comprare casa, a dispetto della pandemia in corso e del rischio di una destabilizzazione degli equilibri economici, non sono su scala nazionale ma a livello globale. 

Per quali motivi conviene acquistare casa nel 2021? Da un lato l’arrivo del vaccino Covid-19 che farà cambiare rapidamente gli scenari, in secondo luogo grazie agli importanti incentivi fiscali previsti dal Governo in particolare attraverso i bonus riqualificazione con il conseguente risparmio energetico e, infine, perché i tassi dei mutui resteranno molto bassi ancora per qualche tempo.

A questo aggiungiamo il desiderio di chi vuole cambiare casa dopo averla vissuta h24 durante il doppio lockdown.

Una congiuntura economica tanto favorevole non si vedeva da tempo e sarà difficile che torni a ripetersi nel breve termine. Dopo un periodo (già dall’ultimo trimestre del 2019) in cui i tassi dei mutuisia quelli fissi che quelli variabili, hanno segnato una graduale e costante discesa, qualche giorno fa si sono toccati i minimi storici, sconfinando addirittura sotto lo 0,5% (0,3% i tassi variabili e 0,4% i fissi).

Stesso momento di grazia per le surroghe (meccanismo che permette al contraente di un mutuo di cambiare istituto di credito che offre tassi e condizioni migliori), che hanno evidenziato uno sconto di circa 20 -30 punti base rispetto a fine 2019. Sono numeri che fanno drizzare le antenne e non solo agli investitori più esperti: se i tassi si mantenessero su queste cifre, far fronte a un mutuo (anche ventennale o trentennale), sarebbe molto meno oneroso per i contraenti.

Il merito, è il caso di dire in questo caso, è stata la contrazione delle compravendite rispetto al 2019 causata dalla pandemia, in Italia pari al -23,6%, il dato più negativo tra i principali Paesi europei, con un conseguente calo del giro d’affari complessivo del 15,2%. 

Condividi/Stampa

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Leggi l'informativa